Salviamo le api con "Bee my Future"

Nasce a Milano un'iniziativa lanciata da LifeGate

Salviamo le api con

Sentiamo spesso ripetere che le api sono indispensabili alla sopravvivenza del nostro Pianeta e molti studi stanno confermando che la loro estinzione non è poi un evento così improbabile.

La diminuzione del loro numero non è da sottovalutare; questi piccoli e operosi insetti sono davvero legati a filo doppio con al nostra sopravvivenza. A confermare tutto questo è arrivato uno studio condotto dalla Fao, che evidenzia come, negli ultimi anni, la popolazione di api e di altri insetti impollinatori abbia subito un drastico calo esponendo la terra ad un grave pericolo; basti pensare che ben 71 delle 100 colture più importanti al mondo si riproducono grazie all’impollinazione. 

Avete mai pensato a cosa sparirebbe dalle nostre tavole se le api non facessero più il loro lavoro di “impollinatrici” perché troppo poche? A parte il miele anche frutta e verdura e, sorprendentemente, latte e derivati.

Ecco, allora, che potrebbe essere di aiuto un progetto a tutela delle api chiamato "Bee my Future"lanciato da LifeGate per contribuire alla loro tutela sostenendo un allevamento che parte da cinque alveari, dati in gestione ad un apicoltore hobbista, con esperienza decennale, e con una profonda conoscenza dell’apicoltura, selezionato dall’associazione Apam (Associazione produttori apistici della Provincia di Milano) partner dell’iniziativa.

Questo progetto prevede l’acquisto degli sciami e di arnie e indumenti di protezione, nonché  l’assistenza tecnica a chi gestirà le api, la verifica e il monitoraggio delle attività e dello stato di salute delle nostre piccole amiche.

L’apicoltore si occuperà dell’allevamento delle api ricevute in gestione e della produzione di miele in un contesto urbano, all’interno della provincia di Milano. Verranno seguiti i principi guida del biologico che prevedono la disposizione degli apiari in zone con colture e vegetazioni spontanee e che, naturalmente, non confinano con aree trattate con pesticidi, lontane almeno mezzo chilometro da zone soggette a smog.

L’iniziativa “Bee my Future” è aperta però anche a tutti coloro che vorranno dare il proprio sostegno. 

Esiste, infatti, un modo per aiutare “Bee my Future”  adottando mille api in un anno e contribuendo così alla loro tutela e conservazione. A tutti i sostenitori LifeGate manderà un attestato personalizzato e 5 kg di miele di acacia, millefiori o tiglio prodotto dalle api. 

Le varietà saranno disponibili in base alla produzione estiva, in vasetti da 500 grammi, personalizzabili con un’etichetta che riporterà il nome di chi sostiene il progetto o di una persona a scelta.

Il progetto “Bee my Future” si potrà seguire mensilmente attraverso gli aggiornamenti sul sito e sui profili social di LifeGate, dove saranno raccontati gli sviluppi dell’iniziativa anche attraverso reportage fotografici.

Non tutti saranno d'accordo, molti, infatti, preferiscono che le api vivano in libertà autogestendosi; ma lo sviluppo del progetto merita di essere comunque seguito.

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.