Earth Day 2015: ecco i 10 luoghi più belli del nostro Pianeta

Celebriamo la Giornata della Terra con le immagini dei suoi luoghi più incantevoli!

Earth Day 2015: ecco i 10 luoghi più belli del nostro Pianeta

Oggi, 22 aprile 2015, il Mondo intero celebra l’Earth Day 2015, la Giornata della Terra, voluta dall’Onu per sensibilizzare alla tutela e alla difesa del nostro meraviglioso Pianeta e delle forme di vita che lo abitano. Indetta per la prima volta nel 1970 dalle Nazioni Unite su richiesta di un movimento ecologista statunitense, che decise di fissarla per il 22 aprile, è un momento celebrativo ma anche educativo. Centinaia di gruppi ecologisti analizzano le problematiche ambientali e propongono delle soluzioni in un clima di complicità e scambio. Alla sua quarantacinquesima edizione, l’Earth Day ha raccolto più di 1,1 miliardi di azioni ambientaliste e impegni sottoscritti dai cittadini del Mondo. Quest’anno, l’obiettivo della Giornata è quello di piantare oltre 1 miliardo di semi o di alberi. Il nostro contributo, per quanto possa sembrare insignificante, è invece di fondamentale importanza: basta piantare un seme nel nostro giardino o sul nostro terrazzo, oppure donarlo a un giardino pubblico. Per l’occasione, anche Google festeggia proponendo un divertente QUIZ che vi farà scoprire che animale siete!

La Redazione di Altro Stile ha selezionato dieci dei più bei luoghi della Terra che meritano di essere visitati e salvaguardati, perché non c’è modo migliore per celebrare la Terra che ammirare le sue bellezze.

Cascata di Skógafoss
Si trova in Islanda e nasce dal fiume Skógaá, proveniente dal ghiacciaio Eyjafjallajökull. E’ larga 25 metri e cade per 60 metri e il sole, giocando con facilità insieme alle gocce di acqua, crea favolosi arcobaleni che rendono il paesaggio ancora più magico. La leggenda narra che il primo vichingo che si stabilì nella zona nascose un forziere colmo di monete d’oro, un vero e proprio tesoro, nella caverna dietro la cascata. Pare addirittura che un ragazzo abbia trovato il tesoro ma, cercando di estrarlo, la corda che lo tirava si ruppe, lasciando quindi il poveretto a mani vuote. Si dice anche che chi si bagno delle acque della Cascata di Skógafoss possa ritrovare un oggetto perduto che si è cercato a lungo.

Salar de Atacama
E’ un lago salino situato in Cile, nella regione Antofagasta. La sua caratteristica distintiva è la “crosta solida” che si genera dopo che l’acqua piovana filtra nel suolo, depositandosi e accumulando i sali minerali. Le acque sotterranee poi affiorano nella depressione del Salar de Atacama per poi evaporare, lasciando l’accumulo di sali minerali che sembra appunto una crosta.

Sacro Albero della Bodhi
L’Albero dell’Illuminazione sorge all’interno del Tempio di Mahabodhi, a Bodh Gaya, in India. Sotto l’Aberro della Bodhi Siddhartha Gautama, il maestro fondatore del buddhismo noto in seguito come Buddha, raggiunse appunto la bodhi (illuminazione) dopo una lunga meditazione. L’Albero è un esemplare di fico; all’interno del tronco è stato scolpito il viso di Buddha ed è sacro a induisti, giainisti e buddhisti.

Grand Canyon
Lungo 446 km e profondo 1600 metri, con larghezza variabile tra i 500 e 27 metri, è la famosissima e incredibile gola creata dal fiume Colorado in Arizona, negli Stati Uniti. La maggior parte di esso è inclusa nel Parco Nazionale del Grand Canyon, uno dei primi parchi nazionali nati negli USA. L’erosione provocata dal fiume e dai suoi numerosi affluenti ha generato questo paesaggio tanto meraviglioso quanto inquietante che ogni anno attira un numero elevatissimo di visitatori.

Praia das Catedrais
Nota anche come Playa de las Catedrales, è una famosa spiaggia a ovest della città di Ribadeo, in Galizia (Spagna). Il suo particolare nome deriva dalle formazioni rocciose sulla spiaggia che formano una serie di archi rampanti, attraversabili a piedi durante la bassa marea, molto simili a quelli delle cattedrali gotiche. Di fronte alla spiaggia si ergono inoltre ponti naturali di roccia, scogli scavati e archi naturali a completamento del già suggestivo paesaggio.

Erta Ale
E’ il vulcano più attivo dell’omonima catena situata nel triangolo di Afar, in Etiopia. A renderlo un luogo straordinario sono i due laghi di lava, uno nel cratere nord e uno nel cratere centrale, a una profondità di 165 metri dal cratere e ancora oggi attivi dal 1906. La conformazione dei laghi e dei crateri varia molto frequentemente e attira ogni anno molti turisti.

Kawah Ijen
Si trova in Indonesia ed è un gruppo di stratovulcani all’interno della grande caldera Ijen, larga circa 20 km. Sulla sua sommità si trova il lago craterico acido più grande del mondo. Moltissimi visitatori sono attirati non solo dalla magia del luogo, ma anche dalle straordinarie “fiamme blu” che si accendono a causa del gas solforico che fuoriesce dalle fessure alla temperatura di 600°.

Geirangerfjord
Dal 2005 questo luogo incantato è diventato Patrimonio dell’Umanità UNESCO. E’ uno dei luoghi più visitati della Norvegia e uno dei fiordi più belli che il nord Europa può vantare. Si trova nella regione del Sunnmøre e al suo interno si erge il famoso villaggio di Geiranger. Ad esaltare la bellezza del fiordo ci sono poi due splendide cascate, poste una di fronte all’altra.

Fairy Pools
Questo luogo davvero fatato si trova in Scozia, sull’Isola di Skye, e si dice siano le piscine dove amano immergersi le fate, circondate da un paesaggio incontaminato e fiabesco. Fanno parte del corso d’acqua che scende dalli Cuillin Mountains e sono ornate da piccole e grandi cascate a rendere il luogo ancora più magico.

Maldive
Non servono parole per descrivere la bellezza del paesaggio delle Maldive. Il famosissimo arcipelago, meta di numerosi turisti ogni anno, è uno dei luoghi più amati e desiderati da chi non ha la fortuna di viverci. Si trovano nell’Oceano Indiano e formano una Repubblica. La purezza delle acque e l’ambiente selvaggio e incontaminato lo rendono un luogo imperdibile, da visitare assolutamente.

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.