Non mangiare un agnellino a Pasqua

Fermiamo la strage degli agnelli a Pasqua

Non mangiare un agnellino a Pasqua

Non possiamo che associarci con tutto il cuore alla campagna lanciata dal rifugio Thegreenplace, LAV e Animal Equality il cui obiettivo è quello di fermare la strage degli agnelli che ogni anno, a Pasqua, vede questi piccoli cuccioli strappati alle loro madri e uccisi in occasione di questa festività. Molti personaggi famosi hanno messo il loro volto sui cartelloni della campagna abbracciati ad un agnello, anzi due, perché due sono i cuccioli ultimi arrivati al rifugio Thegreenplace.

Animal Equality ha anche scelto di girare un breve, ma intenso video, nel quale si mostra come nasca e subito sia oggetto di sofferenza un agnello, fino alla fine della sua breve vita, in un macello, solo per profitto.

Il consumo di carne di capretto o agnello, grazie ai tanti attivisti a alle campagne con testimonial famosi, sta avendo una flessione, ma l’obiettivo sarà raggiunto quando gli agnelli, e non solo loro, saranno dispensati dalla sofferenza.

A Pasqua, allora, facciamo un sacrificio: non uccidiamo agnelli e capretti!

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.