logo altro stile

Peperoni ripieni alla quinoa

Una ricetta originale per sperimentare questo "falso cereale" dalle proprietà straordinarie

Peperoni ripieni alla quinoa

La quinoa è una pianta erbacea annuale che appartiene alla famiglia delle Chenopodiacee, e non delle graminacee come spesso si crede. Non è quindi un cereale, ma il suo utilizzo è molto simile. Essa è originaria del Sud America e ha molte caratteristiche che la rendono un alimento ricco di proprietà nutritive ma, allo stesso tempo, perfetto per qualsiasi tipo di dieta. E’ altamente digeribile e ha poche calorie (circa 360 per 100 gr), con un gusto molto versatile. Contiene minerali (fosforo, zinco, ferro, magnesio), fibre, proteine vegetali e grassi prevalentemente insaturi. Essendo poi priva di glutine, è perfetta per la dieta dei celiaci. Solitamente viene cotta e accompagnata con verdure saltate o stufate, ma noi vi proponiamo una ricetta "all'inverso": peperoni ripieni alla quinoa!

Ingredienti per 6 persone:
- 250 gr di quinoa
- 3 peperoni gialli o rossi
- 500 ml di brodo
- succo di mezzo limone
- 3 cucchiai di prezzemolo tritato
- 1 cucchiaio di basilico tritato
- sale e pepe
- olio extravergine d’oliva

Preparazione:
Accendete il forno a 180° in modo che inizi a riscaldarsi. Lavate con cura la quinoa e cuocetela nel brodo secondo le tempistiche indicate nella confezione (deve comunque risultare tenera). Spegnete il fuoco e lasciate riposare per 5 minuti fino a che non si assorbe completamente il liquido. Nel frattempo tagliate a metà i peperoni per il senso della lunghezza. Privateli dei semi, sistemateli su una pirofila e, dopo averli cosparsi di un filo d’olio, infornateli per 10-15 minuti fino a che non diventano morbidi. Mentre aspettate che i peperoni si cuociano, trasferite in una ciotola la quinoa che avevate lasciato asciugare e conditela con il succo di limone, il prezzemolo e il basilico tritati, un pizzico di sale e uno di pepe. Sfornate i peperoni e farciteli con la quinoa condita, decorandoli poi con foglioline di basilico. Serviteli a temperatura ambiente.

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.

(function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','//www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-59467637-1', 'auto'); ga('send', 'pageview');