logo altro stile

So cosa mangio, la nuova sfida di Greenpeace

Basta un'azione positiva per poter dire che anche noi sappiamo cosa mangiamo!

So cosa mangio, la nuova sfida di Greenpeace

Chi di voi sa cosa mangia? La risposta può sembrare ovvia, ma in realtà non lo è. Non sappiamo da dove viene e non conosciamo chi produce il cibo che mangiamo. Greenpeace lancia un appello per cambiare questa situazione e salvare tutti insieme il nostro cibo.

L’agricoltura industriale è purtroppo un sistema “malato”. Malato significa che è controllato da un gruppo molto ristretto di multinazionali ed è caratterizzato dall’impiego di fertilizzanti di sintesi, di pesticidi e di OGM. Questo tipo di sistema, completamente in mano alle grandi aziende agroalimentari e alle più importanti della chimica, sta compromettendo la salute delle risorse naturali del nostro pianeta e della fauna selvatica: la conseguenza è la contaminazione delle acqua e del suolo, e ovviamente anche del nostro cibo, e il progressivo impoverimento degli agricoltori. 

Ecco perché Greenpeace propone la “cura” per questa grave malattia: l’agricoltura sostenibile. Ciò che rende questo tipo di agricoltura molto diversa da quella industriale è lo stretto rapporto tra chi produce e chi consuma, ma è anche la perfetta simbiosi tra l’innovazione tecnologica e il rispetto per la biodiversità e per la Natura. L’agricoltura sostenibile protegge gli ecosistemi e fornisce nello stesso tempo alimenti sani, promuovendo lo sviluppo rurale con soluzioni economicamente convenienti e non danneggiando il clima e il Pianeta.

Greenpeace ci sfida a sentirci di nuovo “consumatori consapevoli, genitori, amanti del cibo, agricoltori moderni e innovativi, politici e imprenditori che guardano al futuro”. Collaboriamo per costruire un futuro sostenibile: combattiamo insieme la malattia del sistema agricolo industriale! Uniamoci anche noi a Greenpeace e accettiamo la sua sfida scegliendo un’azione positiva tra quelle proposte nella pagina dedicata: già più di 13.400 sono entrati in azione!

Visita il sito per saperne di più e, partecipando, anche tu potrai dire: So cosa mangio (#socosamangio)!

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.

(function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','//www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-59467637-1', 'auto'); ga('send', 'pageview');