7 domande per scoprire se sei una Donna o una donna e 7 attivazioni

Ecco i 7 passi per capire se siamo Donne o donne

7 domande per scoprire se sei una Donna o una donna e 7 attivazioni

Una donna non è male, non ha niente in meno di una Donna; semplicemente, deve attivare il suo potenziale inespresso, permettergli di uscire dalle profondità del suo essere e di prendere forma nella società umana.
 Una qualità veramente sviluppata si esplica nella società – diversamente, c'è ancora qualche passo da fare.

Il mio corso ha un titolo troppo provocatorio? [Da qui è partita la mia riflessione]

Il titolo è “7 passi per trasformarti da donna a Donna e, siccome io spesso temo di ferire od offendere le persone, e il mio business coach Francesco Marcuccio un giorno ha osservato «... non so se le persone a cui tu ti rivolgi parlano proprio questo linguaggio», ho iniziato a rifletterci, mettendo in discussione il mio istinto e stimolandomi a essere più analitica e razionale.

È vero: è provocatorio, ma al punto giusto secondo me. Una donna che non voglia accettare umilmente e anche allegramente che si può essere donna o Donna, principessa o regina, sbocciata a metà oppure del tutto, effettivamente non può affrontare il processo che io propongo. La provocazione a volte effettua una selezione naturale utile, attirando verso di noi solo le persone veramente giuste per ciò che abbiamo da offrire.

Mi rendo perfettamente conto (perché spesso ci passo anch'io) che ammettere di essersi sviluppata soltanto fino a un certo punto, dichiararlo non solo dentro di sé ma anche con qualcuno di esterno, tanto da riuscire a chiedere addirittura aiuto per questo, è una dura prova per il nostro orgoglio.
Tutti immaginavamo che a 30 anni (forse anche prima) lo sviluppo sarebbe terminato, e possibilmente con successo, e invece si supera abbondantemente questa età e ci si ritrova ancora con mille cose da imparare, da cambiare, da rivedere, da trasformare – e solo perché qualcosa di noi NON FUNZIONA, uff...

PERÒ, da un altro punto di vista, è normale e addirittura ovvio che sia così: tutta la vita è uno sviluppo, non si finisce mai di imparare e l'unica costante è il cambiamento. Ed è proprio questa costante a rendere la vita degna di essere vissuta, a darle il gusto della scoperta, dell'avventura, del gioco, dell'ironia e del mistero, colorando piani e programmi, donando un tocco di magia che di certo non si trova nei calcoli e nelle strategie.

Probabilmente, le generazioni precedenti si sono illuse: illuse che sarebbe arrivata un'età in cui si sarebbe saputo tutto, e in cui si sarebbe dovuto solo insegnare e non più imparare, dove ci si sarebbe potuti prendere veramente sul serio (che noia, tra l'altro!), piuttosto che comprendere la necessità di DOVER essere umili, sempre e comunque.

Facciamoci delle sane domande e manteniamoci attivi.

Questa potrebbe essere una buona via di mezzo: sentirsi sicure e continuare a camminare sulla propria strada, ma sempre con delle sane domande in circolazione, e sempre mantenendo un buon livello di attivazione.
A proposito dei 7 passi per scoprire se si è Donne o donne, io posso offrire queste:

1) Ho veramente tagliato il cordone ombelicale con la mia famiglia di origine, sotto tutti i punti di vista (economico, emotivo, etc.)?

Se così non fosse, fai questa azione magica: la prossima volta che incontri i tuoi genitori (uno o entrambi), trova il modo per ripetere nel corso della conversazione, per almeno 3 volte, l'affermazione «Io ho la mia vita; le vostre cose non mi riguardano, sono vostre responsabilità e a me non interessano». Puoi modificarla un po' per adattarla al tuo linguaggio abituale o alla specifica sfera a cui si riferisce nel tuo caso, ma fai in modo di ripeterla chiaramente per almeno 3 volte, e assicurati che i tuoi genitori ti sentano. Poi vedi che succede.

2) La tua vita sessuale è soddisfacente, PER TE?

Se la risposta è no, datti il compito di trovare qualcosa che la renda più appagante. Non c'è bisogno di un partner per tutto, basta ingegnarsi un po', esistono molte vie efficaci e divertenti, e alcune sono collegate alla sessualità indirettamente, ma hanno un potente riverbero su di essa – come le attività creative e quelle sportive, per esempio.

3) Hai dei buoni esempi femminili a cui ispirarti?

Se ne hai almeno uno, dagli più spazio: leggi ciò che scrive, ascolta ciò che suona, guarda ciò che crea, circondati di sue foto, non per idolatrarla ma per trarre ispirazione da lei. Prendi esempio e ricrea a tua volta, sentendoti libera e in diritto di arrivare dov'è arrivata lei, perché sicuramente puoi farlo, anzi DEVI farlo, visto che la tua anima ti spinge proprio a questo.
Non deve essere necessariamente una persona famosa, può trattarsi di chiunque; l'importante è che ti inspiri profondamente, emozionandoti e facendo nascere in te il giusto stimolo all'azione.

4) Sei tu, o qualcun altro, a decidere come si svolge la tua giornata?

Concediti un'intera giornata in cui sia solo ed esclusivamente tu a decidere a chi e a cosa destinare ogni singolo minuto del tuo tempo e ogni goccia della tua energia; per un giorno, non ascoltare nessun consiglio, non cedere a nessuna pressione esterna, resisti a qualsiasi condizionamento e scopri cosa succede, dentro e intorno a te.

5) Hai almeno una donna veramente alleata?

Se non è così, devi assolutamente trovarne una! Non sai che gioia! E quando la trovi, esprimile tutta la tua complicità e disponibilità a supportarla e a lasciarti supportare nel raggiungimento dei tuoi obiettivi da Donna. Li raggiungerai più rapidamente e il cammino sarà di sicuro più bello!

6) E un uomo alleato? C'è nella tua vita?

Non deve essere per forza un partner, può trattarsi anche di un amico, un collega o un amante; l'importante è che tu sappia che lui per te sogna quello che anche tu sogni, che ti sostiene qualsiasi strada tu decida di imboccare e che SA che tu sei una regina e non una principessa – idem per te nei suoi confronti, naturalmente.

7) Riesci a rimanere davvero ferma sulle tue posizioni, quando questo, per qualsiasi ragione, è molto significativo?

Può trattarsi anche di minuscole cose dall'enorme valore simbolico, capaci di far elevare o abbassare drasticamente la tua autostima in meno di un minuto! Se hai bisogno di esercizio, fallo, non rimandarlo e non rinunciarci, perché più aspetti più sarà difficile: allenati a rimanere ferma sulle tue posizioni, scegli una direzione e sii irremovibile, non nella forma ma nella sostanza. Il punto non è se quando esco con mio marito guido io o lui la macchina; il punto è se la mia vita è guidata da me o da lui, sia ben chiaro: le compensazioni ossessive non servono a niente, è la sostanza che conta, ed è su di essa che dobbiamo saper restare assolutamente ferme.

Spero che i miei consigli ti siano stati utili; ti invito a condividere le tue esperienze, riflessioni e intuzioni nei commenti. Aprirsi e dialogare di sicuro aiuta tutti, te che lo fai per prima, e chiunque ti legge e partecipa poi. Forse la tua alleata verrà fuori proprio qui!

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.